Beati gli ultimi, i poveri, gli infelici. Beati soprattutto i ciechi romani che trovano ristoro almeno parziale alla loro disabilità in un patrimonio immobiliare di tutto rispetto: almeno 700 unità, tra appartamenti e locali, di cui 190 solo nel centro storico. Un miliardo e mezzo di euro il valore presunto di mercato. E beati gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Brindò all’addio di Sabella: torna ai vertici in Campidoglio

prev
Articolo Successivo

La magnanimità dello Zar: “Noi non cacciamo nessuno”

next