Dopo lo “schiaffo” a Israele, il ceffone al Cremlino: ultimi sassolini che Obama si sta togliendo dalle scarpe, destinati a scompigliare le carte di Trump e incrinare l’apparente idillio tra il miliardario e Putin. L’attacco a Mosca è cominciato ieri mattina con la pubblicazione, da parte del New York Times – giornale che ha appoggiato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Ho consegnato io Regeni alla polizia”

prev
Articolo Successivo

La Bibbia populista alla conquista d’Europa

next