La narrazione, su carta, è perfetta: quest’anno 16 grandi aziende, i cosiddetti “Campioni di alternanza”, ospiteranno almeno 27 mila studenti italiani per l’alternanza scuola-lavoro, pratica introdotta dalla legge Buona Scuola (nel 2015) che obbliga gli studenti a fare esperienza lavorativa nel corso dell’ultimo triennio, 200 ore nei licei e 400 ore negli istituti tecnico-professionali. L’obiettivo è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Gli infiniti pasticci sul dopo-Expo

prev
Articolo Successivo

Rivoluzione in azienda: tutti insieme a fare pipì. E veloci

next