Anna Politkovskaja è stata uccisa dieci anni fa, nel giorno del cinquantaquattresimo compleanno di Vladimir Putin, e questo non è stata una coincidenza. Ma un omaggio al Gran Capo. Un segno. E un segnale a tutti i nemici interni. Taceva per sempre colei che usava la forza delle parole per documentare rigorosamente lo scaltro gioco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Mia madre Anna uccisa perché difendeva gli altri”

prev
Articolo Successivo

Gli italiani e la grande trappola di Mosul tra Isis, curdi e turchi

next