“Mi paragonano a Svevo. Ma nessuno sa chi sono”

19 Settembre 2016

Se accetti di vivere circondato dalla bellezza senza poterla possedere – pur alimentandola – allora questo è un lavoro da consigliare. Altrimenti è un suicidio”. Alessandro – lo chiameremo così – è uno “scrivente” (“Non posso definirmi uno scrittore”): gli scaffali delle librerie sono pieni dei suoi libri, ma il suo nome non compare da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.