Silvio Soldini girò il suo primo documentario nel 1986. Da allora sono passati 30 anni, ma desideri e curiosità non hanno cambiato corso e direzione. Ne Il fiume ha sempre ragione, nei cinema dall’8 settembre con Wonder Pictures e Fil Rouge Media, scorrono sullo schermo confluendo nei ricordi e nella bellezza dei gesti lenti due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Il presidente è un killer” l’ultimo orrore di Duterte

prev
Articolo Successivo

Metamorfosi del talent show: più ti umiliano e più mi diverto

next