L’ipocrisia di essere normali

Via da quel disabile, ecco i “diversamente tolleranti” all’opera

Coccoliamo i cani e ci scandalizzia un “cicciottelle” sul giornale. Ma guai se un down ci siede vicino in un ristorante o se l’albergo si rivela pieno di gente in sedia a rotelle

17 Agosto 2016

Siamo così, diversamente tolleranti. Pronti a scandalizzarci per un “cicciottelle” ma infastiditi da chi, affetto da sindrome down, ci siede vicino al ristorante. Felici di fare monologhi con gli amici a quattro zampe, ma recalcitranti ai movimenti e agli acuti vocali di una persona autistica che occupa il posto accanto in treno. Paladini nel proteggere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.