Dicevano fosse il fortino più inespugnabile del centrosinistra, che qui ha amministrato ininterrottamente dall’ormai lontano 1993. Dicevano fosse la capitale del lavoro interinale in Sicilia, dove la parola occupazione fa spesso rima solo con intraducibili acronimi: Lsu, Asu, Isu, simboli di precariato a vita utili a ingrassare clientele politiche. Dicevano fosse la città più grillina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Gianni il Rosso: “Quest’anno scelgo il noir”

prev
Articolo Successivo

Super-contratto per il Re di Radio Rai ma progetti zero

next