Altro che Giochi “senza frontiere”, quelli enfatizzati dalla cerimonia inaugurale, quando abbiamo visto sfilare dieci atleti inquadrati nell’utopistica nazionale dei Rifugiati e i settantamila del Maracanà li hanno applauditi come nessun altro! Le frontiere ci sono, eccome: da quelle dell’anima. A quelle della politica. E pure quelle della cultura. Ieri Nada Meawad e Doaa Eighobashy, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le tre “cicciottelle” e le scuse… ai lettori

prev
Articolo Successivo

Povero Nibali, frattura e Airbus con Renzi

next