Marta era la regina della Dolce Vita. Quando ho cominciato a fare questo lavoro lei era una delle donne più in vista di Roma. Nei suoi salotti sfilavano i potenti. Lei, una bella donna, era moglie di un grande industriale del Nord-Est, e da lei si ritrovavano imprenditori, politici e artisti, come i suoi amanti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Marta Marzotto, addio a nostra signora dell’allegria

prev
Articolo Successivo

“Cambiare si può. A volte basta dare l’esempio giusto”

next