Manhattan, primi di settembre del 1996. Camminavo con mio figlio Stefano sul marciapiede ovest di Madison avenue quando all’incrocio con la 57esima andai a sbattere contro una persona che arrivava da sinistra. Era Woody Allen. Gli stava al fianco una ragazza asiatica. Lui si scusò, disse che aveva fretta, sistemò gli occhiali sul naso, prese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Raggi critica il Pd, poi cancella e attacca “qualcuno”

prev
Articolo Successivo

Ora ’a livella riporta al principe Totò la sua ultima Musa

next