L’errore umano è soltanto una delle piste seguite dagli inquirenti. Certo, quella più probabile, ma il punto è che la Procura di Trani vuole ricostruire le responsabilità del disastro ferroviario di martedì, costato la vita a 23 persone, in ogni dettaglio e a ogni livello. E così, dopo gli avvisi di garanzia notificati a Vito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

In via Solferino tifano Urbano: “Gli altri hanno distrutto l’azienda”

prev
Articolo Successivo

Scontro treni Puglia, la vecchia tecnica del polverone e dello scaricabarile

next