Aproposito del Silvano Toti Globe Theatre si potrebbe dire, storpiando quel tale, critico teatrale: “I successi che più mi toccano sono quelli del pubblico”. Villa Borghese non è certo Central Park, né Roma New York, eppure anche qui, d’estate, si fa “Shakespeare in the Park”, con gran seguito di pubblico (pagante, non i soliti operatori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Un po’ fiction, un po’ docufilm. Ma mai abbastanza Indro

prev
Articolo Successivo

Sorpresa: i Pixies ribattono un colpo

next