Icarabinieri del Nas hanno arrestato il notissimo e controverso ginecologo Severino Antinori, il pioniere italiano della procreazione medicalmente assistita: più semplicemente, per noi profani, il paladino del “figlio in provetta”. L’accusa è clamorosa, pesante quanto un macigno: rapina aggravata e lesioni personali aggravate. Antinori avrebbe prelevato a una ragazza spagnola di 24 anni, infermiera in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il sogno di Gallino: uscire dall’euro ma non dall’Europa

prev
Articolo Successivo

Sanzioni al giornalista, l’Unità fa dietrofront

next