Non so cucinare, non sono pigra, non sono disonesta, non seguo uno spartito, non sono moralista, non sono populista”. È figlia di papà. La mia famiglia è benestante, questo è vero, ma ho sempre preteso di far da sola, di riuscire col mio talento. Anche suo marito è benestante. È la verità. Vive nella Torino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Se perdo le elezioni non chiederò premi di consolazione”

prev
Articolo Successivo

In fila da Elkann: tanto non conta più (e ha pure sede all’estero)

next