Je suis content que ce soit terminé. Je n’en pouvait plus”: sono contento che sia finita, non ne potevo più. Così parlò Salah Abdeslam agli uomini dell’antiterrorismo belga, prima di essere immobilizzato. È certo che non la prenderanno molto bene a Parigi i parenti delle 130 vittime di quel maledetto 13 novembre. Loro non se lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Operazione Condor, la Casa Bianca promette di svelare i segreti della Cia

prev
Articolo Successivo

Volevano il botto come allo Stade de France

next