/

“In Australia ho trovato più attenzione al valore del dipendente: promozioni basate sul merito, non sulle conoscenze”

Attrice a Mosca. “Ringrazio l’Italia per avermi sbattuto la porta in faccia. Così ho fatto le valigie per la Russia”

“In Italia non c’è voglia di rischiare. Qui a Berlino mi hanno dato 500mila euro per la mia app”

Ricercatrice in Brasile. “Sono scappata dall’Italia. Che, però, non è il peggiore dei mondi esistenti”

Ricercatrice a New York. “Sono fortunata a vivere qui. Se tornassi in Italia perderei la mia indipendenza”

Designer in Svezia. “In Italia 10 ore al giorno in ufficio. Qui do il massimo al lavoro e poi stacco la spina”
“Io, viandante scientifico tra Emirati, India e Iran. In Italia non ci sono le condizioni per il rientro dei giovani”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×