/ di

Riccardo Orioles Riccardo Orioles

Riccardo Orioles

Giornalista

Riccardo Orioles (Milazzo, 22 dicembre 1949) è un giornalista italiano, punto di riferimento nel panorama delle firme giornalistiche in Sicilia, impegnato a contrastare la mafia e la corruzione. Alcune delle sue inchieste più notevoli riguardano i rapporti tra mafia e massoneria.

Siti internet: www.isiciliani.itwww.ucuntu.org

Blog di Riccardo Orioles

Diritti - 11 febbraio 2014

Olimpiadi: il coming out che sconvolge ‘l’ekumene’

Montano le polemiche a pochi giorni dall’apertura dei Giochi della XXIV Olimpiade, segnati ormai irrimediabilmente da tematiche (diritti civili, rapporti di coppia “irregolari” ecc.) che hanno finito per travolgere anche quello  che fino a qualche anno fa era semplicemente  un momento d’incontro fra sportivi e di relax per il pubblico e anche un momento di […]
Cronaca - 4 gennaio 2014

Pippo Fava, trent’anni dopo: chi sono oggi i suoi ragazzi

Ahimè – dice lo specchio –  non sei più un “ragazzo di Fava” ma un anziano signore un po’ imbranato che sale le scale a fatica per via del sovrappeso. E come si chiamava quel giudice? Te lo ricordi ancora? Giornalista antimafia? Ma a chi vuoi darla a bere? Ma i ragazzi di Fava ci […]
Media & Regime - 8 dicembre 2013

Libertà di stampa: Grilli, merli e uomini veri

Francesco Merlo, insultato da Grillo, “gli ultimi elenchi di giornalisti, – risponde – le ultime schedature di obiettivi sensibili, le hanno fatte in Italia quelli che poi, dopo qualche anno, aspettarono in via Solferino Walter Tobagi. E, a ritroso, i camorristi che inseguirono la Mehari di Giancarlo Siani e i mafiosi che pedinarono Pippo Fava…“. Momento. A noi […]
Politica - 27 novembre 2013

Decadenza Berlusconi, immaginario arresto di un pregiudicato

Mattinale. Movimentato arresto di un pregiudicato oggi ad Arcore (Brianza). Una pattuglia di carabinieri si è presentata all’abitazione del pregiudicato S.B. per accompagnarlo al carcere in ottemperanza all’ordine del Tribunale, ma una piccola folla di parenti, amici e “soci” del pregiudicato ha circondato l’autovettura inveendo e lanciando oggetti. I militari, dopo un vano tentativo di […]
Diritti - 11 novembre 2013

Lampedusa: volenterosi carnefici

Il primo Campo di Concentrazione tedesco fu aperto a Dachau mercoledì 22 marzo 1933. “Abbiamo preso questa decisione – annunciò il capo della polizia Himmler – per la tranquillità del popolo e secondo il suo desiderio”. Vi venivano rinchiusi, senza processo, mendicanti, vagabondi, zingari, oppositori, omosessuali e altri “elementi asociali”, e poi persone considerate dalle […]
Giustizia & Impunità - 18 settembre 2013

Un giudice a Berlino

Catania, Palazzo di Giustizia: non proprio, nei decenni passati, il pool antimafia di Falcone e Borsellino. Però da qualche tempo c’è un nuovo Procuratore, non molto amato dai notabili catanesi… Dovete immaginare il vostro corrispondente che marcia verso il Palazzo di giustizia nel pieno dell’estate catanese, asciugandosi di tanto in tanto il sudore col fazzoletto […]
Giustizia & Impunità - 13 settembre 2013

Evviva, la mafia non c’è più

O almeno non se ne parla più fra i politici, salvo rare occasioni. Che vuol dire? Di mafia, fra i politici, non se ne parla più. Perfino la Commissione antimafia, al momento in cui scriviamo, non è stata ancora ricostituita. Assente in genere l’argomento dall’agenda politica dei (vecchi e nuovi) partiti. Prudentissimi i toni e […]
Mondo - 7 settembre 2013

La Siria e il secolo lungo

Americani e sovietici si fronteggiano in cagnesco nel Medio Oriente. Le basi missilistiche sono già in pre-allerta. Il contadino Brasi, che ha uno sputo di terra dalle parti dell’Anapo, non ne ha la più pallida idea, eppure è profondamente coinvolto. La principale base americana del Mediterraneo, infatti, si trova a pochi chilometri da Brasi. Da […]
Politica - 6 agosto 2013

Un governo della società civile

Adesso che Berlusconi non c’è più, le forze – diciamo così – progressiste si accorderanno in un modo o nell’altro per non lasciare nelle mani della destra l’Italia nel suo momento più delicato? Sarebbe logico, certo: ma non è un paese logico quello in cui un malfattore riesce a restare a galla vent’anni con la […]
Politica - 28 giugno 2013

Governo di cambiamento? La speranza e l’omertà

E’ crollato un regime durato vent’anni. Ma rischiamo di tenerlo in vita per scoraggiamento e inerzia. Dei due principali partiti progressisti, il primo – il Pd – conta fra i suoi parlamentari ben centouno “traditori” (quelli che dovevano votare Prodi) ma nessuno, né renziani né bersaniani né chiunque altro, osa farne il benché minimo cenno. […]
Ireen Wust: l’oro che illumina la causa gay nelle Putiniadi di Sochi
Quando penso a un migrante…vedo i danni delle frontiere (di Mirra)

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×