L’Italia, come sapete, è uno dei paesi più onesti del mondo, tanto onesto che gli italiani, terrorizzati, appena vedono un non-italiano lo cacciano per tema di esserne contaminati. L’Italia è un paese democratico e dunque, ogni tanti anni, gli italiani vanno a votare. Bene. Per chi votano gli italiani?

Gli italiani votano preferenzialmente per i ladri. Oppure per i mafiosi, o per i ladri mafiosi, comunque per gente di cui è certo che un giorno o l’altro finiranno in galera. I presidenti delle due regioni più importanti, Lombardia e Sicilia, eletti a furor di popolo e incontrastati per anni, hanno fatto esattamente questa fine. Sembra vicino a farla il già sindaco di Roma.

Cuffaro, Formigoni, Alemanno non sono dei casi individuali, delle patologie. Sono esattamente il ritratto della nazione. La violenta Sicilia e l’industriosa Lombardia – nord e sud – nonché la famosa capitale del regno, hanno votato – nella diversità delle etichette – esattamente alla stessa maniera. Viva i corrotti e abbasso i fessi: così hanno deciso i cittadini votanti, e la galera dei primi non ha affatto scoraggiato il trionfo dei successivi.

La Sardegna, in confronto, non è che un episodio minore, facilmente spiegabile coi tradizionali meccanismi politici d’Italia. Dove, pochi anni fa, il popolo aveva massicciamente votato per un onesto socialdemocratico – Bersani – e per una banda di confusionari ma onesti ribelli che a gran voce invocavano Rodotà, Gino Strada e Imposimato. Il capo dello Stato – del tipo Napolitano o Cossiga – si rifiutò categoricamente di incaricare un governo di conseguenza; Bersani venne accoltellato dai suoi stessi compagni, i ribelli si buttarono machiavellicamente a destra; gli elettori di entrambi rimasero lì a bocca aperta ed entrambi i partiti cominciarono a sciogliersi come neve al sole. La colpa era dell’ “e allora il piddì”, del maledetto populismo peppegrillesco, dei negri, dei maledetti francesi, dell’Europa: finì come doveva finire, coi capi dei due schieramenti col pugno di mosche in mano e col popolo sempre più imbarbarito alla ricerca rabbiosa di nuovi capi espiatori.

Tutta questa tragedia, che ci ha scaraventato all’Occidente al Visegrad e dagli “italiani brava gente” a una caricatura grottesca della Bassa Sassonia, è tuttavia minore rispetto all’altra, meno immediatamente drammatica ma più profonda, che si compendia negli eletti del popolo ufficialmente ridotti, in rappresentanza del popolo, a avanzi di galera.

Traditi i vecchi che lavorando e soffrendo avevano ricostruito il Paese, traditi i giovani che scappano ovunque purché sia altrove, è la questione morale che ucciderà l’Italia, che forse l’ha già uccisa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emma Marrone, Sallusti vs Telese: “Suoi fan non sono per gambe aperte ma per porti chiusi. Lei vive in mondo dorato”

next
Articolo Successivo

Squilla il telefono durante la conferenza stampa, Juncker: “E’ mia moglie, la solita sospettosa”

next