/ di

Giampiero Gramaglia Giampiero Gramaglia

Giampiero Gramaglia

Giornalista, consigliere IAI

Sono nato a Saluzzo (Cn) 1950. Sposato, due figli, giornalista dal 1972: all’ANSA per trent’anni, una vita da terzino dell’informazione più a mio agio in trasferta (corrispondente da Bruxelles, Parigi, Washington) che in casa. I giornali preferisco scriverli che leggerli: mi diverto (e mi fido) di più. Usa, Ue e Juventus le materie dove sono più forte (ma nessuno, neppure Antonio, m’ha mai fatto scrivere di sport, nel timore -infondato- di faziosità).

Articoli Premium di Giampiero Gramaglia

Cronaca - 26 settembre 2018

Per i 58 salvati dall’Aquarius accordo a cinque senza Italia

Giocare ai quattro cantoni nel mar Mediterraneo con le vite degli altri: la nave Aquarius, che batte ancora bandiera panamense, ma che è stata cancellata dal registro navale dello Stato del Canale, non attraccherà nel porto di Malta, ma i migranti a bordo – 58 persone soccorse al largo delle coste libiche – saranno trasbordati […]
Mondo - 25 settembre 2018

Per Donald non c’è giustizia senza guerra

Il vicesegretario alla Giustizia Rod Rosenstein offre le dimissioni, un attimo prima che Trump lo licenzi: avrebbe suggerito di registrare in segreto le conversazioni con il presidente, dopo che questi aveva licenziato il direttore dell’Fbi James Comey in seguito a un colloquio privato. E intanto si complica il percorso di conferma alla Corte Suprema del […]
Mondo - 22 settembre 2018

La Cina compra armi russe e Trump s’arrabbia

Come ti prendo due piccioni – e grossi, la Russia e la Cina – con una fava (le sanzioni, che paiono ormai essere lo strumento di politica estera preferito da Donald Trump e dal suo staff). Certo, ci sarebbe da calcolare l’effetto domino e pure l’effetto boomerang, ma Trump e i suoi fidi non sono […]
Mondo - 21 settembre 2018

Vertice per prendere tempo. Tutti contenti, tranne la May

Era uno di quei vertici europei che finiscono benissimo, a tarallucci e vino, perché fin dall’inizio è chiaro che non saranno prese decisioni e i leader sono distesi e rilassati. Fa eccezione Angela May, premier britannica, che sente mancarle l’Ue sotto i piedi. A Salisburgo, non succede praticamente nulla; e nulla doveva succedere. I migranti? […]
Mondo - 20 settembre 2018

Tra Trump e Putin è scoppiata anche la guerra del rumore

Attacchi letali con il gas nervino in territorio britannico; intrusioni via hacker e non solo a remoto, con spie, emissari e belle avvocatesse, nelle elezioni altrui; attacchi acustici alle ambasciate Usa, dall’Avana a Pechino: la colpa è sempre del Cremlino, anche quando i russi magari non c’entrano. Le agenzie d’intelligence statunitensi sospettano che ci sia […]
Mondo - 10 settembre 2018

Svezia sempre più nera: anti-Ue vicini al 20%

I socialdemocratici svedesi restano il primo partito, anche se ottengono il peggior risultato dal 1908 a oggi, con poco più del 25% dei suffragi. La destra populista e xenofoba dei Democratici svedesi (Sd) non sfonda: aumenta i suffragi e contende – e forse strappa – il secondo posto ai Moderati di centro, ma resta, però, […]
Mondo - 9 settembre 2018

Estrema destra, attrazione fatale

Con dieci milioni di abitanti – un sesto dell’Italia – e con una superficie una volta e mezzo l’Italia – la Svezia è da sempre e di gran lunga il Paese Ue che accoglie il maggior numero di rifugiati ed è pure in testa alle classifiche della redistribuzione dei migranti dall’Italia – dati pro capite […]
Mondo - 5 settembre 2018

Il sogno di The Donald: la Corte suprema blindata

Potrebbe succedere che, nei prossimi giorni, Donald Trump rimpianga John McCain: la scomparsa del senatore dell’Arizona, trattato con sprezzo in vita dal presidente, e snobbato da morto, priva, infatti, i repubblicani di un voto sicuro, che potrebbe rivelarsi prezioso, e magari indispensabile, nella battaglia in Senato, iniziata ieri, per la conferma del giudice Brett Michael […]
Mondo - 5 settembre 2018

Parigi corsara del petrolio

Le dichiarazioni concilianti di queste ore sono cortine di fumo, dietro cui ci sono divergenze d’interessi e soprattutto d’ambizioni, specie, se non esclusivamente, tra Italia e Francia, almeno in campo occidentale – gli Usa vogliono solo restarne fuori. L’Italia vanta sulla Libia l’eredità coloniale, pesante, ma concreta; una presenza energetica importante con l’Eni; e legami […]
Mondo - 4 settembre 2018

Contro Parigi e con Al-Serraj. Ma il governo è spiazzato

Questa pagina libica cruenta era già tutta scritta, quando, a Washington, il 31 luglio, Donald Trump diede il suo avallo al presidente del Consiglio Giuseppe Conte: una cabina di regia a guida italiana per la stabilizzazione della Libia e la sicurezza nel Mediterraneo. Trump riconobbe a Conte una leadership in Libia un po’ per dare […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×