/ di

Alex Corlazzoli Alex Corlazzoli

Alex Corlazzoli

Maestro e giornalista

Nella vita non avevo previsto di fare l’insegnante. Ho sempre sognato di fare il giornalista. Anzi da bambino avrei voluto fare il prete. Sono nato in campagna da una famiglia di operai, dove libri e giornali, in casa, non esistevano. Mi sono iscritto al liceo e ho terminato il mio curriculum scolastico alle magistrali. Ma la mia “scuola” sono state le strade del mondo: l’esperienza tra i ragazzini dei quartieri più difficili a Palermo, come l’incontro con Sarina Ingrassia che ha dedicato la vita ai “picciriddi” di Monreale; la conoscenza delle altre culture nei miei viaggi in Mozambico, Senegal, Kenya, Marocco, Palestina, Siria, Giordania, Libano, India, Brasile, Albania, Romania e altri ancora. È stato il giornalismo ad insegnarmi a essere curioso e a pormi sempre nuovi interrogativi. Ho lavorato in piccoli quotidiani e collaborato con settimanali come Diario della Settimana e Avvenimenti. Oggi collaboro con Il Fatto Quotidiano; Altreconomia; Gioia; Che Futuro.it. Tra i libri che ho scritto: Riprendiamoci la scuola (Altreconomia 2011), L’eredità (Altreconomia 2012), La scuola che resiste (Chiarelettere 2012), Tutti in classe (Einaudi 2013) e Gita in pianura (Laterza 2014), #lacattivascuola. Un’inchiesta senza peli sulla lingua (Jaka Book, 2015); Sai maestro che…da grande voglio fare il premier (Add, 2015) scritto con un mio ex alunno. Ma soprattutto faccio il maestro, trasmettendo ai ragazzi tutto quello che la vita mi ha donato. Nel bagaglio delle esperienze: il volontariato in carcere per dieci anni dove ho fondato il giornale Uomini Liberi, l’esperienza nei campi nomadi a Firenze, la lotta alla mafia fatta anche al Nord. Nel 2008 ho fondato l’associazione L’Aquilone che si occupa di integrazione di migranti. Dirigo il mensile Filo diretto a Monreale. Conduco la rubrica “Dietro la lavagna” a Radio Popolare e sono spesso ospite di trasmissione televisive come “Storie Vere” Rai Uno. Candidato sindaco per due volte a Offanengo, al bavero della giacca ho portato per anni una spilla gialla con scritto “Io non ho votato Berlusconi”. Oggi sono convinto che “il vero politico non ha un partito e il vero cristiano non ha una Chiesa”.

Blog di Alex Corlazzoli

Scuola - 21 marzo 2017

Scuola, 575 milioni alle paritarie? Perché, da un certo punto di vista, sono pochi

Nei giorni scorsi il governo ha firmato il decreto con il quale assegna alle scuole paritarie private 575 milioni di euro. Pochi o tanti? Non solo. In queste ore il presidente nazionale dell’Associazione Nazionale degli Istituti non Statali di Educazione e di Istruzione, ha festeggiato il fatto che la ministra Valeria Fedeli (Pd) ha per […]
Politica - 14 marzo 2017

Voto ai sedicenni, siamo davvero pronti?

In questi giorni si è tornati a parlare di un’iniziativa dei “5Stelle”: far votare anche i sedicenni alle votazioni politiche. La proposta di legge è stata presentata da Danilo Toninelli che vorrebbe permettere agli adolescenti di esprimere la propria preferenza anche per le elezioni regionali e comunali. Ad oggi il voto a 16 anni è […]
Scuola - 6 marzo 2017

Caro accademico svizzero, sarà il caso di rileggere insieme la lezione (mai attuata) di don Milani

Caro Lorenzo Tomasin, professore ordinario all’Università di Losanna, nei giorni scorsi sull’inserto culturale del “Sole24ore”, si è divertito a “smontare” “Lettera a una professoressa”, in occasione dei 50 anni dalla sua pubblicazione. Chi le scrive è un maestro, suo coetaneo, che insegna in un paese della Pianura Padana, in uno di quei luoghi che definisco […]
Scuola - 28 febbraio 2017

Dj Fabo, a scuola rompiamo il tabù parlando ai bambini di morte e malattia

Oggi in classe, aprendo il quotidiano come ogni giorno, con i miei ragazzi di quinta non avrò alcun timore di parlare della scelta di Dj Fabo. Lo so, non sarà facile. Qualcuno dopo aver orecchiato o ascoltato qualche tg o sentito le discussioni a tavola di mamma e papà, si schiererà contro o a favore […]
Scuola - 18 febbraio 2017

Ho visitato una scuola svizzera. E sono rimasto sconvolto

Nelle scorse settimane mi è capitato di visitare una scuola secondaria di secondo grado svizzera. Un’esperienza sconvolgente. Intanto ad accompagnarmi nel tardo pomeriggio di un giorno festivo è stata una professoressa perché lì tutti i docenti possono entrare a qualsiasi ora del giorno e della notte: con una chiave elettronica l’amica docente ha aperto ogni […]
Scuola - 6 febbraio 2017

Bocciature alle elementari, cara ministra i bambini non sono numeri

“Non bocciare. A quelli che sembrano cretini, dare la scuola a tempo pieno. Agli svogliati, basta dare loro uno scopo”. Sono passati cinquant’anni da quando don Lorenzo Milani scrissea queste tre idee rivoluzionarie per la scuola in “Lettera ad una professoressa”, ma al ministero dell’Istruzione non sono riusciti ancora a comprendere il valore di queste parole. […]
Scuola - 1 febbraio 2017

Istruzione, storia di un sottosegretario: dalle siringhe alle matite

Non ho mai capito perché il criterio delle competenze debba valere per tutti ma non per i politici. Nei giorni scorsi la ministrA Valeria Fedeli ha assegnato le deleghe ai suoi tre sottosegretari: Gabriele Toccafondi, Angela D’Onghia (già presenti con il mandato Giannini) e il neo nominato Vito De Filippo, ex sottosegretario alla Salute nel […]
Scuola - 27 gennaio 2017

Olocausto? ‘Dopo l’interrogazione non ti ricordi più nulla’

“Liliana, cos’ha provato su quel vagone? E quando l’hanno espulsa dalla scuola come si è sentita?”. Martedì ero al memoriale del “Binario 21” a Milano con la mia classe, quindici ragazzi di dieci anni più alcune mamme, dei papà, una nonna e l’amica di una madre. Insieme ci siamo fermati di fronte a quella scritta […]
Società - 16 gennaio 2017

Ferrara: non chiamate mostri quei ragazzi, fatevi domande

“Sei una nullità. Ancor di più chi ti ha partorito, nutrito, alimentato e cresciuto” (Andrea) “Questa merda si è rovinato la vita no l’adolescenza. Spero che una cosa buona la faccia, se impiccasse” (Manuela) “Cosa ti aspetti da una faccia da pezzente del genere? Carcere a vita con pena capitale al primo colpo di tosse” […]
Scuola - 9 gennaio 2017

Dieci anni fa il primo iPhone, è cambiato tutto ma non la scuola

Il 9 gennaio di dieci anni fa Steve Jobs annunciava al mondo il primo iPhone. Da quel giorno la vita della maggior parte di noi è cambiata: è diventata più tecnologica, più connessa con il mondo, perennemente in Rete. La banda larga è diventata come il “pane”, il cellulare lo usiamo per collegarci a internet […]
Insegnanti di sostegno, il ministero raddoppia i posti per il prossimo Tfa. Ma i test slittano a data da destinarsi 
Ricerca in Europa, alla Marie Sklodowska-Curie si premia il merito

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×