Si è giunti all’ottavo giorno di lavoro per i vigili del fuoco impegnati con sommozzatori e squadre a terra per scandagliare il torrente Nevola nella zona di Castelleone di Suasa, in provincia di Ancona, alla ricerca di uno dei due dispersi travolti dalla piena d’acqua, in seguito all’ondata di maltempo che ha colpito le Marche, con nubifragi e alluvioni che si sono abbattuti sulla regione causando morti e dispersi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alluvione Marche, ritrovato il corpo di un bambino: “È quello di Mattia”. Era in un campo adiacente al fiume Nevola

next
Articolo Successivo

Il trend inverso dei “suicidi in divisa”: calano nel Paese, aumentano tra le forze dell’ordine. Nel 2022 ci sono già stati 50 casi in 9 mesi

next