Jaswant Singh Chail, 20 anni, è comparso in tribunale per il processo che lo vede imputato per la violazione del Treason Act, la legge che punisce i reati di alto tradimento e oltraggio contro la monarchia, per possesso di un’arma offensiva e minacce di morte. I fatti risalgono allo scorso Natale, quando il giovane aveva tentato di scavalcare l’inferriata del castello di Windsor, dove la regina Elisabetta stava festeggiando con la famiglia. Armato di una balestra avrebbe detto alle guardie, secondo la pubblica accusa rappresentata da Kathryn Selby: “Sono qui per uccidere la regina”. Chail, come riporta il DailyMail, è apparso in collegamento video dall’ospedale psichiatrico di alta sicurezza di Broadmoor nel Berkshire. Il giovane si è seduto a un tavolo con le braccia incrociate durante l’udienza, parlando solo per confermare il suo nome, data di nascita e indirizzo attuale a Broadmoor. La sua volontà omicida era emersa in un video in cui il giovane di origini indiane diceva di essere in una “missione” di vendetta per il massacro di Jallianwala Bagh o di Amritsar, avvenuto nel 1919 nel Punjab indiano, allora parte dell’impero britannico. Ancora secondo l’accusa, la balestra di Chail avrebbe potuto causare “lesioni gravi o mortali”. La prossima udienza è prevista per il 14 settembre sempre a Londra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Placido Domingo coinvolto in un nuovo scandalo: “In una setta che sfruttava giovani schiave sessuali”

next
Articolo Successivo

Arisa rinuncia all’amore: “Un figlio? Meglio senza un compagno”

next