Passo falso per Matteo Berrettini alla prima partita sul cemento di Montreal. L’azzurro è stato sconfitto nel primo turno del Master 1000 canadese da Pablo Carreno Busta. Lo spagnolo ha dominato imponendosi in due set per 6-3 6-2 . Il numero 23 del ranking ha avuto vita facile contro il tennista romano che è stato poco incisivo al servizio e molto falloso, con 30 errori gratuiti. La stagione di Berrettini finora è stata costellata da due successi, ma anche da alcuni stop forzati: a fine marzo è stato operato alla mano destra, problema che non ha compromesso le sue prestazioni visto che al rientro si è aggiudicato Stoccarda e il Queen’s, prima di saltare Wimbledon causa Covid. Al nuovo rientro a Gstaad sulla terra rossa ha perso la finale con il norvegese Casper Ruud.

“Non ho mai giocato qui – aveva detto Berrettini -. E non è un esordio facile contro Pablo Carreno”: parole profetiche. L’italiano è stato in difficoltà fin dal secondo game del primo set dove ha annullato due palle break. Break arrivato nell’ottavo game, che ha permesso allo spagnolo di aggiudicarsi il parziale per 6-3. La musica non è cambiata nel secondo set, con Carreno che ha strappato per ben due volte il servizio a Berrettini e chiuso in 6-2. Sfumata così la possibilità di vedere un derby italiano al secondo turno con Fabio Fognini, anch’esso sconfitto dal danese Holger Rune, e l’intrigante ottavo di finale con Jannik Sinner che debutterà oggi contro il francese Adrian Mannarino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serena Williams si ritira: storia della campionessa che ha preso a pallate gli stereotipi da élite del tennis

next