Sono 31.703 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i contagiati erano stati 43.084. Le vittime sono 145, in calo rispetto alle 177 di ieri. Il tasso di positività è al 15,7%, quasi invariato rispetto a ieri. Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 201.509 tamponi. Sono invece 321 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 10 in meno rispetto a ieri, mentre gli ingressi giornalieri sono 28. I ricoverati nei reparti ordinari sono invece 8.592, cioè 224 in meno rispetto a ieri. Scendono sotto quota un milione gli italiani attualmente positivi al Coronavirus: sono 969.830, ovvero 48.497 in meno rispetto a ieri. In totale sono 21.400.179 i contagiati dall’inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 173.571. I dimessi e i guariti sono 20.256.778 con un incremento di 80.051.

Scendono in modo deciso i ricoveri Covid nell’ultima settimana. In area medica la rilevazione negli ospedali aderenti alla rete sentinella della Fiaso fa segnare un -20%, dato simile per le terapie intensive che registrano il -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione stabile al 4,4%. Netto calo anche dei pazienti ‘con Covid’, il cui ricovero è stato determinato da altre patologie ma che sono risultati positivi al tampone. Rappresentano comunque il 60% dei ricoverati nelle aree Covid degli ospedali oggetto della rilevazione.

Alta la percentuale (80% nelle aree mediche) dei ricoverati senza quarta dose. Oltre l’80% dei vaccinati presenti in area medica ha una età media di 76 anni e non si è sottoposto alla quarta dose. Nelle intensive l’età media scende a 73 anni e il 100% dei soggetti è affetto da altre patologie, ma anche tra questa fascia di popolazione fragile permane la sottovalutazione del rischio e la mancata somministrazione della dose booster, specifica la Fiaso. In calo del 27% nell’ultima settimana i ricoveri Covid negli ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria degli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso. Nessun bambino in terapia intensiva. La classe 0-4 anni è sempre la più colpita (76,5% dei ricoverati), i bambini sotto i sei mesi sono il 32,3% del totale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, 19enne simpatizzante di CasaPound si arruola per andare a combattere. Ora è indagato: ‘Mercenario’. È il primo caso in Italia

next
Articolo Successivo

Treviso, “rischio insolvenza delle criptovalute”: in migliaia verso la denuncia collettiva della società Nft

next