Un intervento record su una paziente piccolissima. Appena nata i medici hanno scoperto un’importante malformazione alla mano sinistra, per la quale a poche ore dalla nascita l’hanno sottoposta a un delicata operazione resa possibile dal lavoro di squadra tra Policlinico di Milano e ospedale San Giuseppe (Gruppo MultiMedica) del capoluogo lombardo. A livello scientifico – spiegano dalle due strutture – sono stati descritti pochissimi casi di questo tipo, e quasi nessuno aveva ancora realizzato con successo un’operazione del genere su un bimbo così piccolo. Invece Matilde è già a casa e sta bene, anche se l’aspetta ancora un percorso lungo.

La malformazione della bambina evidenziava il terzo dito non sviluppato correttamente, mentre sul quarto dito c’era una tumefazione di 3 centimetri. Per l’intervento la piccola, nata qualche settimana fa in un ospedale del Milanese, è stata trasferita al Policlinico di Milano e accolta nella Terapia intensiva neonatale diretta da Fabio Mosca. Successivamente è stata affidata a un team di chirurghi pediatri del Policlinico, guidati da Ernesto Leva, e di chirurghi della mano dell’ospedale San Giuseppe, diretti da Giorgio Pajardi. Studiando il caso, i medici hanno scoperto che nella tumefazione della piccola mano (il palmo di un neonato è di circa 4-5 centimetri) si nascondevano le tre falangi del quarto dito, rimaste ‘imbrigliate’ durante lo sviluppo del feto.

L’operazione per liberare le dita non sarà l’unica per la bimba: nei prossimi 2 anni saranno fatti altri interventi, per ricostruire completamente le dita e ridare a Matilde una vita il più possibile normale. Questa prima operazione, però, era la più importante e delicata e finora non era mai stata fatta su un bimbo di un solo giorno di vita. “La piccola è già tornata a casa – sottolinea Mosca, direttore del Dipartimento Donna-bambino-neonato e della Terapia intensiva neonatale del Policlinico di Milano – ma il nostro supporto prosegue: stiamo seguendo sia lei sia i suoi genitori, per controllare al meglio il dolore post-operatorio e per insegnare loro a gestire la situazione. Ci saranno controlli continui per i prossimi 2 anni, anche in collaborazione con i colleghi dell’ospedale San Giuseppe”. Pajardi, evidenzia che “l’atto chirurgico, fondamentale in termini anatomici e ricostruttivi, è stato la prima tappa di un lungo percorso terapeutico che ora accompagnerà questa bambina nel suo sviluppo psicofisico”. “La storia della piccola Matilde – commenta Ezio Belleri, direttore generale del Policlinico – è il chiaro esempio di come una collaborazione virtuosa tra due strutture possa fare la differenza, per casi di questo tipo“.

FOTO DI ARCHIVIO

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, “vaccino nasale efficace sui topi anche contro il contagio”. Lo studio preliminare degli scienziati Usa

next
Articolo Successivo

Lo studio di Nature di un team di Yale: “Ripristinate funzioni cellulari in alcuni maiali un’ora dopo la morte”

next