“Più che a casa nostra, forse è l’assessora a Cosa nostra, e questo lo voglio dire chiaramente”. Lo ha detto ieri alla Camera, Alberto Zolezzi, deputato del M5s, riferendosi all’assessora all’Ambiente del Comune di Roma, Sabrina Alfonsi. L’insulto di Zolezzi ha provocato le reazioni del Partito democratico, da Filippo Sensi a Marianna Madia fino a Beatrice Lorenzin, che hanno espresso la loro solidarietà ad Alfonsi. Il deputato pentastellato, dopo l’accaduto, si è scusato così: “Mi sono espresso in maniera troppo sintetica e con termini inappropriati: me ne scuso con l’assessora Alfonsi. Il senso del mio intervento era chiaro: a Roma si rischia di dare spazio al ritorno di poteri occulti e mafie. Questo vale per i rifiuti e vale anche per l’occupazione degli spazi urbani, non è una novità. Ciò non ha a che vedere con la persona dell’assessora, ma il mio voleva essere un campanello d’allarme rivolto alle istituzioni locali e nazionali. Mi dispiace che nella foga dell’intervento mi sia sfuggita una battuta infelice: lungi da me l’intenzione di associare la persona dell’assessora Alfonsi alla criminalità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gradimento sindaci e governatori, la classifica del Sole 24 Ore: in testa Brugnaro e Zaia (che però perde punti). Zingaretti è penultimo

next
Articolo Successivo

Decreto Aiuti, M5s alla maggioranza: “Accordo sul Superbonus o niente fiducia”. La Camera rinvia l’esame a mercoledì

next