La recentissima emissione di un nuovo Btp Italia è stata bersaglio di critiche infondate da parte di bancari e sedicenti consulenti finanziari. Rifilando i loro pessimi prodotti, raschiano infatti via molti più soldi del modesto compenso riconosciutogli per il collocamento dei titoli di stato. Facilmente dieci o venti volte tanto. Ma in questa occasione non si sono limitati a critiche pretestuose e informazioni tendenziose. Sono ricorsi anche a falsità belle e buone.

In particolare hanno messo in giro la tesi strampalata che il Btp Italia 1,6% 2022-30 non funzioni per lo scopo per cui è stato emesso e pubblicizzato, cioè proteggere i risparmi degli italiani dall’inflazione. Oltretutto l’interesse reale, cioè sopra l’inflazione stessa, è dell’1,6% annuo, ben maggior di quanto si pensava sino a pochi giorni prima per la salita dei tassi d’interesse. Per cui il titolo offre una buona copertura anche considerando le imposte; ed è pure disponibile un quiz sui limiti di tale copertura, che fornisce e spiega la risposta esatta.

Cosa si sono inventati allora per denigrarlo e sbolognare invece ai loro clienti polizze, fondi, piani di accumulo di capitale e altra roba simile?

L’ho scoperto da richieste di chiarimenti arrivatemi per e-mail, ma anche pubblicamente tramite Twitter o Facebook. Ne riporto una in particolare dell’Unione Nazionale Consumatori di Molfetta-Bisceglie: In banca hanno detto a molti risparmiatori che in caso di deflazione verrà pagato soltanto l’1,6% intendendosi per deflazione qualsiasi riduzione del tasso attuale di inflazione. Se l’inflazione cala dello 0,1% verrebbe riconosciuto soltanto l’interesse annuo all’1,6 %. È così?. Analoghe le domande di vari risparmiatori; e ciò che avviene in Puglia capita anche nelle altre regioni.

In realtà è tutto falso. La deflazione o inflazione negativa c’è con una riduzione dei prezzi, non con una riduzione della percentuale di aumento. Questa è solo un calo dell’inflazione, comunque positiva. Le formule possono poi apparire più o meno complesse, ma la sostanza è semplice e non c’è nessun imbroglio da parte del Tesoro. I Btp Italia, l’ultimo come i precedenti, corrispondono l’aumento del costo della vita in Italia nei singoli semestri nella forma di cedole d’interessi. C’è solo una sfasatura temporale per la rilevazione dei prezzi del paniere di beni e servizi delle famiglie di operai e impiegati (Foi). Sfasatura costante per le tutte le cedole e di per sé né svantaggiosa né vantaggiosa.

Solo se in un determinato semestre i prezzi sono scesi, i Btp Italia pagano unicamente la cedola minima garantita. Se l’inflazione è scesa ma non si è azzerata, attestandosi per esempio al 5%, il tasso di riferimento sarà dato dalla somma dell’inflazione più 1,6% nel caso dell’ultima emissione. Quindi nell’esempio sarà il 6,6% e non l’1,6%.
In tutti questa vicenda, cioè nella frottola che viene ripetutamente raccontata ai risparmiatori, c’è grave malafede nel caso peggiore e più probabile. Nel caso migliore l’ignoranza crassa di chi confonde salita o discesa dell’inflazione con salita o discesa dei prezzi. Se l’inflazione diminuisce senza azzerarsi, allora il Btp Italia la corrisponde in pieno. Se invece scende a zero o sotto, è logico che dia solo il minimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, (s)vendita di valuta e sottomissione all’Arabia Saudita: la doppia mossa di Erdogan per arginare l’inflazione

next
Articolo Successivo

L’inflazione sale all’8% in giugno. E’ il valore più alto dal 1986. Nell’intera zona euro balzo del carovita all’8,6%

next