Nelle ultime 24 ore sono stati individuati 16.571 nuovi casi di infezine da Sars-Cov-2 tra i 79.375 tamponi processati, di cui 59.212 test rapidi. L’incidenza schizza così al 20,9%. I decessi segnalati sono 59. E si registra un’impennata dei ricoveri in area medica (+187 posti letto occupati) e un aumento delle terapie intensive (+10) in un giorno da 23 ingressi.

Dati in netto peggioramento rispetto allo scorso lunedì, sintomo che la ripresa della circolazione virale – che ha già fatto segnare una maggiore pressione sugli ospedali negli ultimi 7 giorni – è destinata ad aumentare ancora.

Lunedì 13, infatti, i casi furono 10.371, quindi l’aumento è superiore al 50%. Risalita anche per i decessi (da 41) e degli ingressi in terapia intensiva (furono 14), così come dei ricoveri (il saldo ingressi-uscite di sette giorni fa fu +92).

Ad oggi sono 4.585 i pazienti Covid nei reparti ordinari e altri 209 sono assistiti in terapia intensiva. Da inizio pandemia sono 17.896.065 i casi accertati di infezione da Sars-Cov-2: in 17.153.636 sono guariti o sono stati dimessi, mentre 167.780 sono deceduti.

La regione che segnala il maggior incremento nelle 24 ore è il Lazio con 2.634 diagnosi, seguita da Lombardia (1.920), Emilia Romagna (1.725), Sicilia (1.551), Puglia (1.433) e Veneto (1.174).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Bizzarri sarà la voce di un nuovo podcast di Autostrade. Le vittime del ponte Morandi: “Incoerente, dopo il crollo si disse indignato”

next