“Sulla crisi alimentare ci sono decine di Paesi africani che dipendono dal grano russo, ci sono tonnellate di grano ferme e 200 milioni di cittadini africani che rischiano di morire se non si sblocca l’invio di grano e se non si torna a seminare. Allora chieda lei lo sblocco delle navi e dei porti e il ritorno a esportazioni di grano e sono convinto che arriverà una risposta positiva, si faccia promotore di questo piccolo grande gesto”. Sono le parole di Matteo Salvini, che in Senato si è rivolto a Mario Draghi, dopo l’informativa. Il leader della Lega ha avanzata tre proposte al presidente del Consiglio, tutte iniziative da rivolgere a Vladimir Putin. La prima sul grano; la seconda su Expo 2030, quando Salvini ha ricordato che le città candidate a ospitare la manifestazione sono Mosca, Odessa e Roma: “Presidente, provi a chiedere a Mosca di ritirare la sua candidatura e appoggiare quella di Odessa. Sono convinto che sarebbe un bellissimo gesto di distensione e per la ricostruzione del Paese”. E infine ha suggerito una mediazione per “un cessate il fuoco non vano, di 48 ore insieme a Francia, Germania e Santa sede pronti a fare da garanti per negoziati. Quindi l’Italia a sia promotrice di pace e di dialogo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, attenzione alle false verità del pacifismo di maniera

next