Non è la prima volta che un video su TikTok mette nei guai l’autore, ma in questo caso il protagonista della vicenda è passato dagli arresti domiciliari al carcere. Un uomo di 55 anni, arrestato nel 2019 nell’ambito di una indagine antidroga, non ha resistito al fascino dei social e si è mostrato in alcuni video con musica neomelodica di sottofondo, in compagnia di altre persone e ostentando ingenti quantitativi di denaro in contanti.

I carabinieri di Barletta, denunciata la pubblicazione dei video all’autorità giudiziaria, hanno eseguito l’ordinanza che sostituisce gli arresti domiciliari con la custodia in carcere disposta dalla Corte di appello di Bari. In una nota i carabinieri definiscono l’uomo “capo e promotore di uno dei clan egemoni sul territorio, dedito alle attività di narcotraffico nel territorio del Gargano e nel Nord Barese mediante l’importazione di cocaina dall’Olanda”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Michele Misseri, i giudici concedono permessi premio: “Inizia percorso rieducativo, poi una nuova valutazione per i domiciliari”

next