L’Italia presente ai Mondiali di calcio di Qatar 2022 è “una possibilità molto più concreta di quanto si pensi”. Parola del presidente della Federgolf, Franco Chimenti, che ai microfoni di ‘La politica nel pallone‘ su Gr Parlamento ha rilanciato l’ipotesi di un ripescaggio della Nazionale azzurra al posto dell’Ecuador. Uno scenario finora evocato soprattutto dai media ecuadoregni, che temono l’esclusione dopo l’accusa arrivata dal Cile di aver fatto giocare in 8 partite di qualificazione ai Mondiali un calciatore, Byron David Castillo Segura, che sarebbe colombiano.

“Pare che l’Ecuador abbia utilizzato un giocatore che non aveva titolo di giocare e potrebbe pagare per questo. Se così fosse, a quel punto bisognerebbe pensare alla nazionale che dovrebbe sostituirlo. C’è una regola Fifa che parla di ripescaggi e parla della squadra più in alto nel ranking: questa è sicuramente l’Italia”, ha detto Chimenti. “In questo momento sto facendo il tifo per noi, ma le regole del gioco sono queste, e allora crediamoci. Un ripescaggio non sarebbe una cosa ingiusta“, ha aggiunto il presidente della Federgolf.

Cosa dice esattamente il regolamento? Bisogna guardare all’articolo 6 dello Statuto Fifa: “Se una qualsiasi associazione si ritira o viene esclusa dalla competizione, la Fifa deciderà sulla questione a sua esclusiva discrezione e intraprenderà qualsiasi azione si ritenga necessario”. Non c’è quindi nessun meccanismo automatico: l’Italia è sicuramente la nazione con il ranking più alto tra quelle rimaste fuori da Qatar 2022. Ma la Fifa potrebbe anche scegliere di ripescare una squadra della stessa federazione di appartenenza dell’Ecuador, quindi la Conmebol sudamericana.

Uno spiraglio, dunque, esiste. Anche se è una possibilità molto remota anche per un altro motivo. Il Cile ha presentato ricorso sperando che la Fifa decida di punire l’Ecuador con la sconfitta a tavolino per tutte le partite in cui è stato schierato Byron David Castillo Segura. Le indagini dei cileni, infatti, dicono che Byron Castillo è nato il 25 luglio 1995 a Tumaco, in Colombia. Quindi non è ecuadoregno. In caso di 8 sconfitte a tavolino per l’Ecuador, la classifica del girone di qualificazione ai mondiali verrebbe riscritta e il Cile otterrebbe il pass per il mondiale. Il Perù invece spera che l’Ecuador venga semplicemente squalificato, in modo da guadagnare la quarta posizione, evitando lo spareggio. Per arrivare a un’eventuale ripescaggio dell’Italia, invece, bisognerebbe passare per una sanzione drastica come la sospensione della Nazionale ecuadoregna dalle competizioni Fifa. Una decisione che deve essere presa dal Congresso Fifa su richiesta del Consiglio, solamente nel caso in cui ci sia una violazione grave.

Un’ipotesi davvero complessa, appunto, ammesso e non concesso che la Fifa scelga poi di ripescare l’Italia. Ma il presidente della Federgolf Chimenti ci crede: “Se i nostri dirigenti si impegneranno molto in questo senso, si potrebbe arrivare davvero a un ripescaggio. Io sarei felicissimo e lo sarebbero tutti gli italiani”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Juventus, i tifosi fischiano Andrea Agnelli nella serata degli addii di Chiellini e Dybala

next
Articolo Successivo

I Glasgow Rangers in finale di Europa League: l’ultimo atto di una risalita dall’oblio. Ma non chiamatelo miracolo, è programmazione

next