Scontro rovente nella trasmissione “L’aria che tira” (La7) tra l’ex ministro dell’Interno, Marco Minniti, e il portavoce di Potere al Popolo, Giorgio Cremaschi, sul conflitto tra Russia e Ucraina.
Il sindacalista fa un appello alla diserzione dalla guerra, suscitando la contrarietà di Minniti, che commenta: “Nel momento in cui c’è qualcuno che vuole limitare la tua libertà, Cremaschi spiega che bisogna disertare. Io invece faccio un appello a combattere per la libertà. Nel momento in cui io non diserto, combatto per la sua libertà. Se invece io disertassi, lei sarebbe meno libero. Mi auguro che questo lo comprenda e che capisca che non sempre può contare sul fatto che altri combattano per lei”.

“Quella di Minniti è una propaganda di guerra – osserva Cremaschi – Bisogna invece disertare la guerra, perché questo conflitto diventa la terza guerra mondiale. Io chiedo a Minniti: la sua lotta per la libertà dove si ferma? Si ferma prima della terza guerra mondiale?”.
“La sfida si ferma facendo un negoziato – risponde Minniti – Penso che nessuno abbia intenzione di arrivare alla terza guerra mondiale, ma naturalmente non possiamo escluderla, perché abbiamo di fronte un invasore, un autocrate”.
Cremaschi insorge: “Ecco, questo è il punto: lei non può escludere la terza guerra mondiale. Ma si rende conto?”.
Minniti, più volte incalzato dal politico di Potere al Popolo, ribatte: “Bisogna fare il massimo delle pressioni su Putin perché accetti un negoziato vero. Poi capisco che lei è abituatissimo a combattere dallo studio di casa sua e meno impegnato a combattere per la libertà. Comunque, in ogni caso, io combatto per la sua libertà“.
“Non sono abituato alla terza guerra mondiale”, replica Cremaschi.

La polemica deflagra quando Minniti elenca i crimini russi in Ucraina e sbotta con Cremaschi: “Lei non può decidere quello che devono fare gli ucraini. Io sono preoccupato, perché man mano che la guerra va avanti è più difficile fare la pace, perché ci sono morti, i martiri, le 25mila persone che sono morte a Mariupol, gli oltre 600 feriti asserragliati negli scantinati delle acciaierie dell’Azovstal. Ieri c’è stato un appello affinché quei feriti siano evacuati da Mariupol. Lei condivide questo appello? E se condivide questo appello, non diserti. Dica oggi a Putin che quelle persone possono essere curate”.
Ma lo dica lei, che è stato ministro“, risponde Cremaschi.

“Capisce che questa è la sua storia? – continua Minniti – Non la dimentichi. È la storia della sinistra, non quella che lei sta facendo adesso. La sinistra non ha mai disertato nella sua storia. Capisce qual è il problema? Le è chiaro?”.
Cremaschi ribatte: “Lei è dirigente dell’industria delle armi! Lei è un rappresentante della fondazione Leonardo, ex Finmeccanica, dovrebbe essere più cauto nel parlare e avere un po’ più di pudore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, Severgnini a La7: “Vinciamo noi, è evidente”. Caracciolo: “Una vittoria o sconfitta totale significa un altro conflitto”

next
Articolo Successivo

Comunali Genova, credo che le scelte di Raffaella Paita non si basino sulla coerenza politica. Anzi

next