Non bastava avere il 60% delle strutture accreditate private. Non bastava che la Regione Lombardia fosse, durante il Covid, la peggior regione italiana come risposta e mortalità. Non bastava inventarsi altre strutture a ponte fra il medico di base e gli ospedali senza avere medici ed infermieri e con costi enormi. Oggi l’assessora Moratti ne ha inventata un’altra con una delibera che peserà sulle casse dei cittadini. Vuole pagare le strutture che rispettano le liste di attesa. Idea ottima, parrebbe, ma il buon padre di famiglia prima di spendere cerca di risparmiare. Capisco perfettamente che in casa Moratti il termine risparmio abbia avuto la fortuna di non doverlo mai conoscere. Ma mi meraviglio come possa scrivere una castroneria simile spendendo soldi dei cittadini.

Diamo un premio alle strutture che rispettano i tempi di attesa? Altri soldi? Non ne hanno già avuti troppi? Ma stiamo scherzando? Occorre andare a monte. Prima controlliamo che vengano fatti visite, esami e interventi indispensabili e non inventati solo per l’interesse di aziende sanitarie che spesso guardano esclusivamente i conti di fine anno dove la salute del cittadino poca importa. Organizziamo un sistema di controlli serio. Solo dalla parte del cittadino. Poi vietiamo il solvente divisionale, cara assessora, che interessa a lei anche perché cosi i cittadini pagano due volte, quelli onesti; la prima con le tasse e la seconda credendo di essere furbi pagando una visita, un esame e a breve un intervento con la quota che la Regione dovrebbe pagare alla struttura.

Da ultimo dice che tutto questo serve anche per recuperare i tempi del Covid? Cara assessora, io credo invece che tutte le strutture accreditate debbano, nei momenti di emergenza, lavorare solo con il sistema sanitario nazionale. Devono sospendere le attività private per un periodo che lei decide per recuperare gli arretrati. Questa è medicina vera dalla parte del paziente, ricco e povero. Credo lei avrebbe fatto bene a venirmi ad ascoltare il 3 aprile scorso. Ci saremmo evitati un’altra firma su un foglio che ci porterà solo costi aggiunti. Senza equità.

Sono in attesa (ma perché il suo assessorato non risponde da mesi?) di leggere con attenzione l’accesso agli atti di tutte le strutture accreditate, pubbliche o private, negli anni 2020 e 2021 per prestazioni private e pubbliche. Sono certo che anche durante l’emergenza tutti hanno cercato di guadagnare e la regione non ha fatto nulla per fermare nemmeno questo virus distruttivo del nostro sistema sanitario. Vuole rispondere?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, Luciano Canfora durante l’incontro in un liceo: “Giorgia Meloni neonazista nell’animo”. La leader Fdi annuncia: “Querelo”

next
Articolo Successivo

Salvini attacca la giornalista per le domande su Cucchi: “I carabinieri condannati? Vuol dire che hanno sbagliato”. Ma insiste: “La droga uccide”

next