di Stella Saccà

Se stiamo male è un bene. Restare impassibili a quello che ci sta succedendo è un peccato. Certo, ridere fa bene, riderne fa bene, ma è lecito stare male, è dovuto stare male, è un bene stare male. Perché se stiamo male vuol dire che siamo vivi, che eravamo vivi. Che quello per cui respiravamo ci teneva in vita davvero, e ora che ci è stato attutito, modellato, moderato, sospeso, tolto, ci manca. Come quando manca l’ossigeno.

Chi si nutriva di musica, di teatro, di danza, di persone, di viaggi, di scoperta, di speranza, di futuro deve stare male, ha il dovere di stare male, perché se sta male è ancora vivo. L’ossigeno, ai morti, non manca. E allora anche se andiamo avanti, anche se ci trasciniamo come fossimo risucchiati da una calamita, gridiamolo se stiamo male. La presa di coscienza del malessere è il primo passo verso la guarigione, verso l’afferrare la cura.

Gridiamolo, se stiamo male. Se stiamo male per noi, perché abbiamo perso il lavoro, perché ci mancano emozioni e prospettiva, perché ci manca viaggiare, perché ci manca sorridere agli estranei per strada perché così non si vedono i sorrisi e farlo con gli occhi a volte non basta. Diciamolo se stiamo male anche se non siamo stati meglio. Diciamolo se ci manca l’ossigeno, perché se stiamo male, se percepiamo il malessere, allora c’è speranza che quando la primavera tornerà su questa nostra terra, non troverà solo alberi secchi dalle radici perdute.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Una società che alza di continuo l’asticella delle nostre aspirazioni difficilmente produrrà felicità

next
Articolo Successivo

Diventare hostess dopo i 50 anni? Negli Usa si può. Il caso di Patrizia Prevosto: “Qui niente limiti di età, c’è una mentalità diversa”

next