di Vincenzo Califano

La resa dei conti in seno al Movimento 5 Stelle è un passaggio obbligato che rischia, però, di mettere fuori dai giochi Giuseppe Conte.

L’interesse alla scissione appartiene evidentemente alla prospettiva di Luigi Di Maio consapevole di due circostanze: il brand 5Stelle è ormai logoro e destinato a una debacle elettorale a prescindere da chi lo guiderà; la permanenza nei 5Stelle del Ministro degli Esteri significa per lui accettarne la prima regola che è quella della non ricandidabilità per un terzo mandato. Per questo, sull’esempio di Matteo Renzi, ha tutto l’interesse a fomentare la scissione e a dar vita a una nuova forza politica dove è lui il padre-padrone, libero di giocarsi tutte le partite che vuole fino alle elezioni del 2023 e a seguire.

Conte leader di un M5S scisso e privo di qualunque attrattiva presso gli elettori è quindi destinato a intestarsi il futuro insuccesso elettorale facendo la gioia dei suoi tanti, troppi, avversari che ne desiderano non la caduta, ma la scomparsa, reo di godere di una popolarità che altri non hanno.

Conte lasci a Giggino la patata bollente del suo M5S e guardi al Paese con chi, come lui, ha ancora credito sufficiente per proporre una novità e intercettare quell’astensionismo gigantesco che oggi rappresenta, percentualmente, il primo partito d’Italia ed è alla ricerca di una rappresentanza affidabile per tornare a recarsi alle urne.

Per quanto riguarda Di Maio vale sempre il “De rustica progenie, semper villana fuit”. Lo tenga a mente il Presidente Conte e non commetta un altro errore, ché sarebbe fatale!

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sondaggi, leader in crisi di gradimento dopo i giorni del Quirinale. Salvini e Berlusconi perdono dieci punti, cala anche Draghi (-5%)

next
Articolo Successivo

Orlando: “Necessario potenziare i centri per l’impiego. Abbiamo fondi per assumere 8mila persone ma non li abbiamo ancora spesi”

next