Il medico Roberto Marescotti, originario di Copparo (nel Ferrarese) è morto il 18 gennaio a causa del coronavirus. Era stato uno dei protagonisti dei “No paura day“, le manifestazioni che riunivano la comunità locale contraria al vaccino. Era ricoverato da quasi un mese nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Sant’Anna di Cona, aveva 64 anni.

Svolgeva la professione di medico all’ospedale del Delta, a Lagosanto. Tuttavia, date le sue posizioni spesso in disaccordo con direttive sanitarie anti-pandemia, era stato sospeso per un certo periodo. Definiva i virologi “pseudoscienziati” e aveva pubblicato un romanzo fantasy dal titolo “Un mostro chiamato virus”. Si era ammalato a dicembre e le sue condizioni erano peggiorate nelle settimane successive.

Durante le sue partecipazioni alle manifestazioni di Ferrara si era mostrato critico in particolare nei confronti del green pass, mentre aveva espresso fiducia nelle terapie domiciliari. Per questo, scrive il Corriere di Bologna, era diventato a livello locale, un medico vicino ai no vax.

Articolo aggiornato il 24 gennaio alle ore 15.03

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tragico incidente nel Bresciano: auto si scontra con un pullman. Morti cinque giovanissmi, tutti tra i 17 e i 22 anni

next
Articolo Successivo

Cos’è davvero il Covid ce lo dirà la storia, ma nel frattempo noi cosa stiamo facendo?

next