Nel 2021 l’inflazione si è attesta al 1,9%, il valore più alto dal 2012. Lo comunica l’Istat confermando la stima preliminare sullo scorso dicembre quando l’incremento dei prezzi al consumo si è attestato al 3,9%. Per tutto l’anno la maggiore pressione al rialzo sui prezzi è arrivata dai costi energetici, saliti del 14,1% rispetto al 2020. Al netto della componente energia, i prezzi sono saliti nel 2021 dello 0,7%, lo stesso dato del 2020. Nel solo mese dicembre i prezzi sono saliti dello 0,4% rispetto a novembre in linea con le indicazioni della stima preliminare. L’impatto dell’inflazione, segnala l’Istat, è stato più forte sulle famiglie con minore capacità di spesa (+2,4% contro l’1,6% dei redditi alti).

I rincari più marcati in dicembre riguardano gli alimentari (+0,7% in un solo mese), i trasporti (+ 0,7%, influenzati dal costo del carburante, oltre alla voce ricreazione, spettacoli cultura (+ 1,8%). Le spese per la casa, che includono le bollette di luce e gas, crescono in un mese dello 0,3%, rispetto al dicembre 2020 l’aggravio di spesa è però di oltre il 14%. Scendono viceversa dello 0,5% i costi di bevande alcoliche e tabacchi. In generale il cosiddetto “carello della spesa”, ossia il sotto indice che considera i beni a più alta frequenza di acquisto (alimentari e prodotti per la cura di casa e persona) raddoppia toccando il 2,4%. Il dato di dicembre (3,9%) segna un’accelerazione rispetto al 3,7% di novembre, tuttavia sembra rallentare il ritmo della progressione, in linea con quanto osservato in paesi come Germania o Spagna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Industria, la produzione sale a novembre e torna sui livelli pre-Covid. Brunetta: “Siamo la locomotiva d’Europa”

next
Articolo Successivo

Fisco, dal 2022 scompare l’aggio sulle cartelle di pagamento: sarà a carico dello Stato. L’Agenzia delle Entrate vara il nuovo modello

next