Il tennista azzurro Matteo Berrettini ha passato il primo turno degli Australian Open battendo l’americano Brandon Nakashima. Dopo la partita, però, invece della consueta firma sulla telecamera, ha preso il pennarello e ha ringraziato l’Imodium. Il farmaco contro la diarrea e i dolori allo stomaco, prodotto dalla casa farmaceutica Janssen, ha infatti giocato un ruolo fondamentale nel vittorioso esordio del numero 7 Atp, che ha dovuto interrompere più volte il gioco proprio per problemi intestinali. “Non mi sentivo bene con lo stomaco – ha commentato il tennista romano – è stato davvero difficile giocare, soprattutto nel terzo e quarto set. Stavo giocando una gran partita contro Brandon… mi sono detto che dovevo lottare e fare del mio meglio e alla fine ho vinto. Sono veramente felice”.

Quando per la prima volta ha chiamato il time-out medico, con una mano sull’addome, a molti sono tornate in mente le immagini del suo ritiro nelle Atp Finals. Fortunatamente non era niente di così grave e Berrettini ha passato il turno in 4 set con il punteggio di 4-6, 6-2, 7-6, 6-3 in 3 ore e 10 minuti di gioco. Alla fine della partita il finalista di Wimbledon 2021 ha festeggiato la sofferta vittoria con un: “Imodium! Grazie!” scritto su una delle telecamere che seguono il torneo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Australian Open, dopo il caso Djokovic c’è anche il tennis: torneo al via, Medvedev in pole, Berrettini e Sinner tra i favoriti

next