“Evitano l’ospedale e restano a casa fino a quando non riescono a respirare”. Finché la febbre non li strema, poi bussano alle porte dei Pronto Soccorso. Sono i pazienti Covid non vaccinati, di età compresa tra 35 e 60 anni, che chiamano l’ambulanza da casa quando hanno già febbre alta, tosse forte e difficoltà respiratoria acuta. Sono l’85% dei pazienti con sintomatologia clinica grave delle ultime settimane ripartito contro il 15% di vaccinati. Questo dicono i dati nazionali raccolti dalle centrali operative del 118 con rilevazioni regionali. I dati forniti dalle rilevazioni regionali sulle persone che chiamano le Centrali operative 118 evidenziano che tra i vaccinati, i pazienti che hanno bisogno di un trasporto di emergenza in ospedale hanno tra i 70 e i 75 anni, specie se soffrono di precedenti patologie croniche respiratorie e cardiovascolari.

“Il numero giornaliero elevato e crescente di decessi da Covid, oltre che di malattia grave, deve imporre estrema cautela nel liquidare la variante Omicron come un brutto raffreddore”, afferma il presidente del 118 nazionale Mario Balzanelli. “Si pone un problema di sicurezza nazionale perchè il virus non risparmia nessuna fascia di età, il vaccino è una risorsa salvavita ma non rende immuni – aggiunge – il vaccinato, anche dopo la terza dose, può infettarsi e può infettare. Tutto questo richiede ai milioni di vaccinati di continuare ad osservare i comportamenti di prevenzione e protezione evitando di sentirsi invulnerabili”.

Balzanelli ammonisce a non abbassare la guardia: “la variante Omicron dati alla mano è ovunque. Non solo, la biologia dei coronavirus ci impone di prendere in serissima considerazione che tanto più elevata è la circolazione del virus, altrettanto elevata è la possibilità che insorgano nuove varianti”. “Plaudiamo alla decisione del governo di rendere obbligatorio l’utilizzo delle mascherine Ffp2 negli ambienti chiusi – conclude – e riteniamo assolutamente indispensabile proteggere con semplici occhiali anche gli occhi, perché il contagio per via oculare avviene anche indossando noi stessi la mascherina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuove regole, quarantena azzerata per i contatti stretti vaccinati con il booster. Obbligo di Super green pass su tutti i mezzi di trasporto, per ristoranti all’aperto, alberghi e piscine – Tutte le misure

next
Articolo Successivo

Covid, caos tamponi ai centri dell’Asst Santi Paolo e Carlo di Milano: “Rapidi esauriti, rispediti a casa dopo 18 ore d’attesa”

next