Un incontro con un ladro armato di coltello. Il riconoscimento e la contrattazione per 200mila lire e un telefonino senza scheda. E’ uno degli aneddoti – “una cosa da schiantarsi dal ridere” – che Alessandro Haber, ospite dell’ultima puntata di stagione de La Confessione racconta a Peter Gomez nel corso della sua intervista. “Nel libro tu racconti tutto della tua vita. Cosa ti ha spinto a scrivere? L’avresti fatto trent’anni fa?”, ha chiesto il giornalista. “No, se non ci fosse stato il lockdown non l’avrei mai fatto, mi sembrava un po’ una celebrazione – ha detto l’attore – Fino a dieci giorni prima di stamparlo chiamavo Mirko (Capozzoli, coautore insieme ad Haber dell’autobiografia ‘Volevo essere Marlon Brando’ edito da Baldini e Castoldi), fino all’ultimo istante ho raccolto aneddoti, come quando mi hanno derubato a Perugia“. “Racconta perché è molto interessante questo episodio su Perugia, mi ha molto colpito”, lo ha esortato il direttore de Ilfattoquotidiano.it. “Stavo a Perugia per uno uno spettacolo, L’avaro di Molière, con Simona Marchini. Dopo lo spettacolo siamo andati a cena da suoi amici, torno a casa verso le due di notte. Io dormivo da un amico mio, Roberto Grasso, che stava in un vicoletto – ha raccontato Haber – A un certo punto, mentre sto per andare, tranquillo, faceva freddo, arriva uno con un passamontagna, con un coltello da cucina. “Dammi i soldi, dammi i soldi”. A me quel coltello mi ha fatto ridere perché era esagerato – ha raccontato ancora l’attore e regista – Non era una pistola, era un coltello da cucina con un manico così e tanto così di lama. Tra l’altro la circostanza era che avevo appena chiesto un anticipo, avevo 500mila lire. Dico: ‘aspetta un attimo, adesso te li do, ma devo cercarli’. Ma non volevo dargli tutte le 500mila. A un certo punto tiro fuori il telefonino, avevo uno di quei Nokia, poi l’agendina… E mentre gli davo l’agendina ho tirato fuori 200mila lire e mentre gli do i soldi lui mi dice: ‘ma tu sei Haber!’ Io rispondo: ‘possiamo fare due chiacchiere?’ Perché mi piaceva… Era la prima volta che mi capitava un rapinatore! Avrei voluto parlargli, conoscerlo, magari mi poteva dare delle dritte per un personaggio, non lo so. Poi mentre andava via mi diceva: ‘Haber bravo, bravo!’. Poi mi dice: ‘Dammi il telefonino!’. ‘No, il telefonino no! Sono in tournée ti prego, il telefonino no! Te lo do, però mi ridai la scheda? Alla fine abbiamo contrattato: è stata una cosa da schiantarsi dal ridere“, ha concluso Haber.

‘La Confessione’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Haber a La Confessione di Peter Gomez (Nove): “Giuliana De Sio? Forse il mio amore più grande. Chiedo scusa per la sberla di tanti anni fa”

next
Articolo Successivo

Vittorio Feltri e Andrea Crisanti ospiti di Accordi&Disaccordi stasera alle 22.45 su Nove. Con Marco Travaglio

next