Il Fondo interbancario di tutela dei depositi non ha accettato la proposta d’acquisto di Bper per il gruppo Carige, di cui è azionista con l’80%. Il no è legato a vincoli statutari – spiega una fonte- non è un giudizio nel merito. In realtà l’offerta di Bper comporterebbe per il Fondo l’impegno a versare nell’istituto ligure circa 1 miliardo di euro. La manifestazione di interesse di Bper per Carige “presenta termini e condizioni da approfondire che, allo stato, in particolare per quanto riguarda il livello di ricapitalizzazione richiesto per Carige, non risulta conforme alle previsioni statutarie (art.35) relative agli interventi del tipo in questione”. Lo si legge in una nota del Fitd. Sulle indiscrezioni di una risposta negativa da parte del Fondo bancario le azioni di Bper e Carige hanno chiuso la seduta odierna con cali rispettivamente del 4,2 e del 2,4%.

Il fondo interbancario di tutela dei depositi riunisce tutte le banche italiane e ha il compito principale di garantire i depositi dei clienti in caso di fallimento di uno o più istituti. Nel 2019 è diventato primo azionista della banca ligure per scongiurarne il fallimento. Bper ha offerto un euro per rilevare Carige che conta circa 500 sportelli e un milione di clienti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eni crea Plenitude: la nuova società riunisce rinnovabili e retail. “Quotata in Borsa entro la fine del 2022”

next
Articolo Successivo

Borse in rosso sui timori di frenata della crescita economica. Milano – 1,5%. Forte calo per il petrolio

next