Dopo la terza dose gli anticorpi indotti dal vaccino Pfizer-BioNtech proteggono anche dalla variante Omicron. La multinazionale statunitense diffonde i primi esiti di uno studio di laboratorio: i risultati, annuncia la stessa Pfizer, a un mese dalla terza dose del vaccino vedono la neutralizzazione della variante Omicron a livelli paragonabili a quelli osservati per la proteina spike sars-cov-2 dopo due dosi.

Ancora Pfizer in una nota annuncia che insieme a BioNTech ha testato anche altri vaccini specifici per varianti, che hanno prodotto titoli di neutralizzazione molto forti e un profilo di sicurezza tollerabile. Le aziende comunicano quindi che, se necessario, potranno consegnare un vaccino a base di Omicron nel marzo 2022. I primi lotti del vaccino contro la variante Omicron possono essere prodotti e si prevede che saranno pronti per la consegna entro 100 giorni, in attesa dell’approvazione normativa.

Una protezione più robusta contro la variante Omicron può essere ottenuta con una terza dose poiché i dati provenienti da ulteriori studi delle aziende indicano che un richiamo con l’attuale vaccino di Pfizer-BioNTech aumenta i titoli anticorpali di 25 volte. Secondo i dati preliminari delle società, si legge nella nota, una terza dose fornisce un livello di anticorpi neutralizzanti contro Omicron simile a quello osservato dopo due dosi contro varianti wild-type e altre emerse prima di Omicron. Questi livelli anticorpali sono associati ad un’elevata efficacia sia contro il virus wild-type che contro queste varianti.

Una terza dose aumenta notevolmente anche i livelli di cellule T CD8+ contro epitopi di proteine multiple spike che si ritiene siano correlati alla protezione contro la malattia grave. Rispetto al virus wild-type, la stragrande maggioranza di questi epitopi rimane invariata nella variante spike di Omicron. Le aziende continueranno a raccogliere più dati di laboratorio e valutare l’efficacia nel mondo reale per valutare e confermare la protezione contro Omicron e informare il percorso più efficace da seguire. Il 25 novembre, le aziende hanno iniziato a sviluppare un vaccino covid-19 specifico per Omicron. Lo sviluppo continuerà come previsto nel caso in cui sia necessario un adattamento del vaccino per aumentare il livello e la durata della protezione contro Omicron.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Premio Nobel 2021, la cerimonia di conferimento della medaglia e del diploma a Giorgio Parisi: la diretta

next
Articolo Successivo

Covid, protezione da contagio scende al 20% dopo 5 mesi dalla seconda dose di vaccino ma resta alta per malattia e morte fino al 7° mese

next