Passerà il resto della vita in carcere per essersi macchiato di un crimine terribile: aver lasciato morire una bambina yazida di appena 5 anni incatenata sotto il sole di Falluja, in Iraq. Il tribunale di Francoforte ha condannato per genocidio e crimini di guerra Taha al-Jumailly, 29 anni, ex militante dello Stato Islamico che, insieme alla moglie, aveva ridotto in schiavitù sia la piccola che la madre. Proprio la coniuge dell’estremista, Jennifer Wenisch, una foreign fighter tedesca di 30 anni, è stata condannata a 10 anni di prigione il 25 ottobre scorso per non essersi opposta al crimine dell’uomo: per questo è stata giudicata colpevole di supporto di un gruppo terroristico, concorso in tentato omicidio e in tentati crimini di guerra e per crimini contro l’umanità.

Nora T., la madre della bambina, e la piccola sono state acquistate e rivendute dai miliziani delle Bandiere Nere più volte, come molte altre donne yazide nelle ex terre del Califfato. Trasferimenti a cui sono seguiti sempre soprusi, violenze e stupri da parte dei terroristi. Poi, “acquistate” da al-Jumailly e la moglie, sono state nuovamente ridotte in schiavitù. Un giorno, però, la piccola ha bagnato il letto. Un evento che l’uomo decise di punire duramente: prima costrinse la madre a rimanere a piedi nudi sul terreno ardente dell’Iraq, nelle ore più calde del giorno, quando fuori la temperatura tocca i 50 gradi. Poi, ha preso la piccola e l’ha incatenata all’aperto, all’intelaiatura della finestra di casa, con le braccia sopra la testa e i piedini che non riuscivano a toccare terra.

Le temperature infernali dell’Iraq hanno presto ridotto la piccola in condizioni critiche. Quando l’uomo si è accorto che la bambina stava morendo, l’ha prima riportata in casa ma, vedendo che non apriva la bocca per bere, ormai disidratata, ha deciso di trasportarla in ospedale dove poi è morta. Secondo quanto ricostruito anche grazie alla ong Yazda c’è stato anche un processo di fronte a un tribunale di Daesh e al-Jumailly è stato ritenuto colpevole della morte della piccola. Dove si trovi il corpo della bambina, però, non si sa. Si scoprirà che al-Jumailly è riuscito a convincere i suoi carcerieri a rilasciarlo per scappare in Turchia dove si è riunito alla famiglia. Anche Wenisch lo aveva seguito e si era fatta raggiungere dalla madre: ha poi tentato di richiedere i documenti all’ambasciata tedesca, dove però è stata arrestata e successivamente rimpatriata in Germania, dove partorirà la figlia di al-Jumailly.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Ema: “Lavoriamo per garantire di essere pronti al peggio. Vaccini strumento chiave per combattere la pandemia”

next
Articolo Successivo

Covid, la Slovenia sospende l’uso del vaccino Janssen (J&J) dopo la morte di una 20enne

next