Ora è certo, il 29 novembre al Pala Alpitour di Torino l’Italia sfiderà la Croazia nel quarto di finale di Coppa Davis. Gli azzurri tornano a questo punto della manifestazione per la prima volta dal 2018, nell’ultima edizione disputata con il vecchio formato. Decisive sono state le due vittorie contro Stati Uniti e Colombia.

Sinner, intanto, ha brillato anche in doppio con Fabio Fognini a qualificazione ormai raggiunta contro la Colombia. A notte fonda e in una partita per noi ininfluente, l’altoatesino si è impegnato in ogni punto come fosse decisivo, pienamente dentro la partita, totalmente assorbito dall’obiettivo di imparare, di assorbire esperienze per aumentare le opzioni e migliorare le scelte. Ininfluente la sconfitta contro i fortissimi Cabal/Farah per 6-2, 5-7, 7-6. Con un Sinner così si può davvero sognare in grande.

Di fronte ci sarà ora la Croazia, a cui è bastato vincere il primo match contro l’Ungheria. Il punto decisivo l’ha conquistato Nino Serdarusic, al debutto nella manifestazione, che ha sconfitto 6-4, 6-4 Fabian Maroszan. Vincendo, l’Italia potrebbe in un certo riscattare il ricordo la sconfitta subita proprio in questo impianto, e sempre contro la Croazia, dagli azzurri del basket eliminati a sorpresa da favoritissimi nel torneo di qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alberto Malesani, l’antidivo: “Le soddisfazioni vere non arrivano dai giornali. È una gioia immensa quando un calciatore migliora come individuo e all’interno della squadra”

next
Articolo Successivo

Australian Open solo per giocatori vaccinati contro il Covid: Novak Djokovic verso il forfait. Il padre: “Questo è un ricatto”

next