“È chiaro che le frodi sono un fenomeno estremamente diffuso, che non riguarda specificamente il reddito di cittadinanza. Ricordo che il valore aggiunto generato dal sommerso economico, prima del Covid era di 189 miliardi di euro, con un’incidenza sul Pil pari all’11%. Il numero dei lavoratori in nero era di 2,5 milioni. Pertanto, le frodi sul reddito rientrano in questa dinamica di ordine generale e non ne rappresentano certamente la componente più rilevante”. Così il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, in un’informativa alla Camera sui criteri e sulle modalità di erogazione del reddito di cittadinanza, ha risposto alle critiche che sono state rivolte alla misura da una larga fetta delle forze politiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Orlando: “La povertà è un dato che si può ignorare o affrontare. Senza strumenti è fonte di disperazione”

next
Articolo Successivo

Manovra, in Senato tensione tra M5s e Pd sul nome del relatore in commissione: i dem e Leu spingono per Errani, i 5 stelle si oppongono

next