Evergrande ha pagato gli interessi su “almeno due bond su tre, in dollari”. Lo scrive l’agenzia Bloomberg citando fonti vicine all’operazione. Oggi scade il periodo di tolleranza di 30 giorni per il mancato pagamento delle cedole in questione che ammontano complessivamente a 148 milioni di dollari (129 milioni di euro). Evergrande ha debiti complessivi per 305 miliardi e nel 2022 il gruppo dovrebbe rimborsare titoli in dollari per 7,4 miliardi. Il titolo ha chiuso l’ultima seduta di borsa in rialzo del 3% dopo notizie secondo cui Pechino potrebbe rendere più semplice l’emissione di obbligazioni da parte delle società immobiliari del paese.

Il gruppo di consulenza tedesco Dmsa (Deutsche Marktscreening Agentur) ha chiesto ufficialmente la procedura di bancarotta per il gruppo cinese. Una mossa che sembra essere riconducibile al mancato pagamento degli interessi sulla terza obbligazione. In una nota inviata alla stampa, la società tedesca evidenzia come il colosso delle costruzioni abbia lasciato trascorrere 30 giorni dal mancato pagamento di due emissioni obbligazionarie scadute a fine settembre. “La stessa Dmsa ha investito in questi bond e non ha ricevuto alcun pagamento di interessi ad oggi. Ora stiamo preparando l’azione di bancarotta e chiediamo a tutti gli obbligazionisti di aggregarsi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dazn, il Mise convoca la società: “Chiarisca le sue intenzioni a beneficio degli utenti”

next
Articolo Successivo

Elon Musk si fa beffa degli utenti Twitter, vende azioni Tesla a 1.000 dollari ma poi le ricompra a 6

next