Attualità

Grande Fratello Vip, Patrizia Mirigliani contro Miriana Trevisan: “Lei è lì in cerca di visibilità. I reality servono anche per questo, ma non per offendere o umiliare gli altri”

“Sei una persona orrenda, maleducata e scortese”, ha detto l'ex volto di “Non è la Rai” al ragazzo a cui si era avvicinata nelle ultime settimane. Per la patron di “Miss Italia” tutto questo è inaccettabile. “Sono parole che mi feriscono, un pugno nello stomaco. Mio figlio in passato ha commesso degli errori, è vero, ma una cosa è certa: è una persona perbene che sta affrontando una delle più grandi sfide, quella con se stesso, e merita rispetto”, dice in esclusiva a Fq Magazine

di Giulio Pasqui

Quando Patrizia Mirigliani ha letto come Miriana Trevisan ha apostrofato Nicola Pisu, suo figlio, all’interno della Casa del “Grande Fratello Vip” ci è rimasta molto male. “Sei una persona orrenda, maleducata e scortese”, ha detto l’ex volto di “Non è la Rai” al ragazzo a cui si era avvicinata nelle ultime settimane. Per la patron di “Miss Italia” tutto questo è inaccettabile. “Sono parole che mi feriscono, un pugno nello stomaco. Mio figlio in passato ha commesso degli errori, è vero, ma una cosa è certa: è una persona perbene che sta affrontando una delle più grandi sfide, quella con se stesso, e merita rispetto”, dice a Fq Magazine.

È necessario riavvolgere il nastro di quello che abbiamo visto nelle ultime settimane dentro la Casa del “Grande Fratello Vip”. Miriana Trevisan e Nicola Pisu si sono avvicinati molto, fino a quando la showgirl ha deciso di cambiare strada: “Prendo le distanze fisiche per ora”, ha comunicato, spiegando di non sentirsela di concedersi baci e coccole davanti alle telecamere, con un figlio a casa. Il ragazzo ci è rimasto male: “Non sono un giocattolo”, ha rivendicato.

Per questo Patrizia Mirigliani ha deciso di intervenire per raccontare in esclusiva a FqMagazine la sua, di versione: “Le parole hanno un peso e la storia di Nicola dimostra quanto possono fare male perché se sei fragile, diventano dei proiettili capaci di colpire nel profondo. Per fortuna ha saputo rialzarsi ma non è stato semplice. Nicola ha chiesto soltanto coerenza da parte di Miriana, e cosa si è meritato? Tutte queste’ belle’ parole. Mi hanno dato molto fastidio, lo ammetto. Mio figlio ha sempre rispettato le donne e non ha mai giocato con i sentimenti di nessuna. Attualmente è in cerca di un’affettività, è vero: lui ha voglia di innamorarsi, perché gli fa bene; si sta dimostrando coraggioso perchè si è voluto mettere in gioco anche da questo punto di vista e va bene giocare, soprattutto se si è in un reality, ma la correttezza non deve mai mancare. Non si può umiliare o offendere gli altri”.

È una mamma combattiva, Patrizia, e non ha paura di schierarsi in prima linea. Lo rivendica: “Io difendo Nicola, come lo sta facendo tantissima gente qui fuori. Miriana Trevisan è entrata al Grande Fratello in cerca di una visibilità, e questo è assolutamente legittimo. I reality servono anche per questo, ma non per offendere. Un personaggio pubblico deve essere consapevole della responsabilità e dell’esempio che rappresenta per chi è fuori dalla Casa. Nicola sta vivendo il Gf come un’esperienza di vita, che lo aiuti a risolvere i suoi problemi che già conosciamo, e il “Grande Fratello” gli sta facendo molto bene in questo senso”. Il suo messaggio finale vuole avere una lettura perfino sociale: “Lui sta rivendicando il suo diritto di essere un uomo con la sua dignità, che non è un prerogativa solo femminile. Non vuole essere un giocattolo. Perché sì, anche gli uomini vengono usati, non soltanto le donne. E questo, sia chiaro, non vuole essere un attacco nei confronti delle donne. Chi conosce la mia storia professionale e privata sa quanto io sia da sempre al loro fianco”

Grande Fratello Vip, Patrizia Mirigliani contro Miriana Trevisan: “Lei è lì in cerca di visibilità. I reality servono anche per questo, ma non per offendere o umiliare gli altri”
Precedente
Precedente
Successivo
Successivo

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione