La ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha risposto al question time alla Camera sugli scontri avvenuti sabato scorso a Roma durante la manifestazione “no green pass” e l’assalto alla sede della Cgil. Dopo aver fatto sapere che il 19 ottobre riferirà in Aula ricostruendo la dinamica di quanto accaduto, la ministra ha risposto: “Perché non è stato subito fermato Giuliano Castellino, leader di Forza Nuova? La scelta di procedere coattivamente nei suoi confronti non è stata ritenuta percorribile dai responsabili dei servizi di sicurezza – ha fatto sapere – perché in quel contesto c’era l’evidente rischio di una reazione violenta dei suoi sodali con degenerazione dell’ordine pubblico”.

Immediata la risposta di Giorgia Meloni, che aveva posto la domanda: “Lamorgese dice che sapeva e non ha fatto nulla. Se fino a ieri pensavano la sua fosse sostanziale incapacità oggi la tesi è più grave: quello che è accaduto è stato volutamente permesso e questo ci riporta agli anni già bui”. Secondo Meloni, quanto accaduto “è stato un calcolo”: “Siamo tornati alla strategia della tensione – ha attaccato – La risposta di Lamorgse non è semplicemente insufficiente ma offensiva delle forze dell’ordine”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’attacco di Salvini ai ministri: “Di alcuni non mi fido. Puoi avere un genio come premier, ma se macchina è fuori controllo non vai lontano”

next
Articolo Successivo

M5s a Cingolani: “Stop a nuove trivelle”. Il ministro: “Non ci saranno nuove autorizzazioni fino all’approvazione del piano”

next