La ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha risposto al question time alla Camera sugli scontri avvenuti sabato scorso a Roma durante la manifestazione “no green pass” e l’assalto alla sede della Cgil. Dopo aver fatto sapere che il 19 ottobre riferirà in Aula ricostruendo la dinamica di quanto accaduto, la ministra ha risposto: “Perché non è stato subito fermato Giuliano Castellino, leader di Forza Nuova? La scelta di procedere coattivamente nei suoi confronti non è stata ritenuta percorribile dai responsabili dei servizi di sicurezza – ha fatto sapere – perché in quel contesto c’era l’evidente rischio di una reazione violenta dei suoi sodali con degenerazione dell’ordine pubblico”.

Immediata la risposta di Giorgia Meloni, che aveva posto la domanda: “Lamorgese dice che sapeva e non ha fatto nulla. Se fino a ieri pensavano la sua fosse sostanziale incapacità oggi la tesi è più grave: quello che è accaduto è stato volutamente permesso e questo ci riporta agli anni già bui”. Secondo Meloni, quanto accaduto “è stato un calcolo”: “Siamo tornati alla strategia della tensione – ha attaccato – La risposta di Lamorgse non è semplicemente insufficiente ma offensiva delle forze dell’ordine”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’attacco di Salvini ai ministri: “Di alcuni non mi fido. Puoi avere un genio come premier, ma se macchina è fuori controllo non vai lontano”

next
Articolo Successivo

M5s a Cingolani: “Stop a nuove trivelle”. Il ministro: “Non ci saranno nuove autorizzazioni fino all’approvazione del piano”

next