“La pace non soltanto è possibile. Ma è un dovere per tutti”. Queste le parole nel tradizionale messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la marcia Perugia-Assisi, che si sta svolgendo proprio oggi. Lo ha letto dal palco, prima della partenza, Flavio Lotti, anima della manifestazione. L’occasione – che si ripete ogni anno dal 1961 mobilitando persone da tutto il mondo – è “ancora una volta un segno di speranza. I valori che la ispirano e la partecipazione che continua a suscitare sono risorse preziose in questo nostro tempo di cambiamenti, ma anche di responsabilità“.

La marcia per la pace e la non violenza è giunta alla sessantesima edizione e si è avviata dai Giardini del Frontone, vicino allo storico punto di partenza di via San Girolamo . Dalla prima, quella originaria, promossa da Aldo Capitini, “ha messo radici profonde nella coscienza e nella cultura delle nostre comunità” ha detto il capo dello Stato e conferma, di anno in anno come “Stati, popoli, istituzioni sovranazionali, imprese economiche, forze sociali, cittadini” debbano collaborare. “La pace si può costruire dal basso – ha affermato il Presidente – perché impone coerenza nell’agire quotidiano, nel linguaggio che si usa, nella solidarietà concreta verso chi ha minori risorse e maggiori bisogni, nel rispetto per gli equilibri della natura, nella capacità di prendersi cura di quanti si trovano in difficoltà”. E proprio la cura è al centro dell’edizione di quest’anno: il motto è infatti I Care – mi prendo cura – “che don Lorenzo Milani volle affiggere all’ingresso della scuola di Barbiana – ha ricordato Mattarella – Avere a cuore il proprio destino come quello dell’altro che ci sta accanto, come quello della persona lontana che però sappiamo essere a noi legata da una rete invisibile ma robusta, è la scintilla della cultura di pace che può sconfiggere l’egoismo, l’indifferenza, la violenza, la rassegnazione all’ingiustizia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La salute mentale oltre il Covid: gli investimenti continueranno anche dopo l’emergenza?

next
Articolo Successivo

Milano, il dossier del comitato ‘Mai più lager’ col senatore De Falco: “Nel Cpr di via Corelli violati molti diritti. E si parla di un pestaggio”

next